India: ancora non ci ho capito nulla!

I sentimenti, le impressioni, e i pensieri dei giorni trascorsi in India sono talmente contrastanti che ancora non so fare ordine nella mente…immagini che piano piano mi tornano alla memoria, innumerevoli tradizioni e rituali che ho visto, ascoltato e imparato, ma tutto e’ confuso, estremamente difficile da digerire…

Per ora, posso solo dire cosa veramente mi ha stupito di questo viaggio in India…

Fiori

Allora pronti…Via!

L’India me la immaginavo caotica, sporca, e colorata…ma spesso, quei tratti che immaginiamo di un luogo risultano essere molto meno marcati quando arriviamo a destinazione…scopriamo che la globalizzazione e la modernità hanno reso tutto un pochino più simile a cio’ che troviamo non distante da casa…

Ecco, l’India mi ha fatto l’impressione opposta: tutto quello che immaginavo e’ fortemente amplificato! Soprattutto, l’India e’ più sporca di quanto potessi pensare…E come dice mamma, io sono una “di bocca buona”…

DSC_3658

Dopo anni passati in Cina, anche lontano dalle città ormai cosmopolite, pensavo di avere visto livelli di igiene veramente bassi…invece gli indiani mi hanno sorpresa! Cumuli di immondizia OVUNQUE, gente che fa OGNI bisogno (questo l’ho dovuto persino scrivere nella cartolina a mia nonna!) in mezzo alla strada, e i bambini con i capelli rasta e i piedi scalzi che giocano a nascondino in mezzo al traffico…

P1010531_risultato_Fotor
Le piastrelle con le divinità dovrebbero scoraggiare la gente dall’utilizzare i muri della città come orinatoi….

In India mi hanno stupito le donne, così agghindate da farmi brillare gli occhi di riflesso…Vorrei essere nata indiana per potermi mettere tutto quello che hanno loro addosso: vorrei il saree fuxia con i ricami dorati, tantissimi bracciali che suonano ad ogni mio movimento, gli orecchini così decorati da allungarmi il lobo (detto così fa schifo, ma io lo vorrei proprio!!!), mani e piedi coperte da minuziosissimi ghirigori di henné, e poi quel pallino di pigmento rosso in mezzo agli occhi…ok, adesso sono pronta per uscire!

DSC_3311

Mi ha stupito vedere che il saree lo indossano TUTTE le donne…persino quelle che coltivavano la terra, o che trasportavano i mattoni sul capo ne avevano di bellissimi e coloratissimi…

P1020489_risultato_Fotor

Qualcuno mi ha detto che sono proprio le donne delle caste più basse a indossare i saree più sgargianti, perché chi si può permettere tessuti pregiati come la seta e’ già elegante con i colori neutri…

P1020027_risultato_Fotor

Dell’India mi ha colpito la lentezza delle persone nel fare qualunque cosa e l’attenzione ai dettagli…metto insieme queste due cose, perché secondo me sono strettamente legate…sono lenti perché precisi…il nostro amico indiano ride per questa mia supposizione, a detta sua totalmente infondata…

I dettagli delle stoffe, dei bordi ricamati, delle decorazioni dei palazzi, della pasticceria, e delle raffigurazioni sacre delle divinità’…

P1020189_risultato_Fotor

Dell’India mi hanno colpito i mendicanti…li ho sempre visti nelle foto, ma non avevo capito che molti di loro sono in realtà gypsy…pensavo che vivessero nella strada perché troppo poveri per avere una casa, invece ho capito che molti vivono nella strada perché quella e’ casa per la loro cultura…Li ho guardati con occhi diversi. Li ho osservati, nei loro gesti quotidiani…

DSC_3930

Ho visto fare il bucato, ho visto cucinare, ho visto accendere un fuoco per scaldare…

Ho visto i bambini con i baffi disegnati esibirsi in danze acrobatiche mentre le macchine aspettano che il semaforo sia verde. Quasi nessuno porge loro qualche moneta…

CSC_3644

Non solo per i gypsy e gli altri mendicanti, la strada in India e’ un luogo di ferventi attività…

La strada e’ un luogo di rituali..ho visto un matrimonio rumorosissimo e un funerale  in cui la salma veniva trasportata sulle spalle, senza bara, da un corteo di uomini…alle donne non e’ concesso partecipare.

DSC_3963

Ho visto due rituali prettamente femminili, di cui non avrei mai potuto indovinare il significato…Un gruppo di donne recarsi in processione al tempio per chiedere la grazia di morire prima dei loro mariti, come retaggio di una pratica bandita dal governo in Rajasthan che imponeva alle donne di gettarsi nel rogo in cui bruciava il corpo del marito defunto…Un altro corteo di donne, con anfore di terracotta piene di latte, recarsi a pregare per un matrimonio imminente….

Dell’India mi hanno stupito i fiori, le ghirlande, e i petali venduti ad ogni angolo delle città per rendere omaggio alle divinità…

P1010808_risultato_Fotor

A Hong Kong portano l’anatra laccata in offerta al tempio, in India i fiori…nella mia testa, forse questa e’ l’unica cosa che per il momento ha veramente un senso!

P1020498_risultato_Fotor

In India mi ha colpito l’ossessione per la decorazione delle porte, che sono dipinte di cento colori, mille decori, e un’immancabile ghirlanda di foglie di mango…

P1020609_risultato_Fotor_Fotor_Collage

Le porte dei palazzi antichi, ma anche quelle delle case o delle città…

P1010950_risultato_Fotor

In India mi ha stupito vedere la multiculturalita’,  perche’ ero così ignorante da pensarli solamente indiani…ovvero qualcuno hinduista, qualcuno buddista e poco più…invece NO! ho visto i Sikh con i loro coltelli, le barbe lunghe e i turbanti colorati…ho visto i Jain con le tuniche bianche candide e le scope per mettere al sicuro gli insetti che incontrano lungo il cammino…ho visto i musulmani con tante mogli tutte nascoste dietro i loro burqa neri così evidenti in mezzo ai colori di  cio’ che sta attorno….

P1010199_risultato_Fotor

Ma l’ho già detto della vacca che predice il futuro?! Si, le vacche sono sacre e sono ovunque…ma quella che predice il futuro l’ho vista solo una fortunata volta…

P1010670_risultato_Fotor

In India mi ha stupito scoprire che il cibo e’ così buono da farmi desiderare di mangiare a tutte le ore…(la dissenteria mi e’ venuta solo due volte!!!)…come sempre la cucina di un luogo quando la mangi fuori da quella terra e’ distorta dalla necessita’ di adattarsi a palati diversi…ecco, ora so che la cucina indiana non e’ così speziata da impedirmi di distinguerne i sapori…ogni piatto mangiato in India era delicato ed equilibrato…

P1020638_risultato_Fotor_Fotor_Collage

L’India mi ha stupita, sconvolta, rapita…mentre ripartivo ho pensato che non ci sarei più tornata, ma credo sia meglio fare ancora un po’ di ordine nella mente per capirci qualcosa in più…

Per ora mi fermo qui, tanto so che ne scriverò ancora e ancora…magari più dettagliatamente e a mente più lucida!

NAMASTE!

8 commenti Aggiungi il tuo

  1. cordef ha detto:

    Davvero interessante! E belle foto!

  2. edoardovigoni ha detto:

    Sono stata in India di recente per lavoro e sono rimasto come te stupefatto da questa forte contrapposizione tra quanto sporco e spazzatura ci sia in strada e quanto invece siano curati loro nell’abbigliamento e apparentemente anche nell’igiene personale…(apparentemente perché gli operai che durante la settimana vivono praticamente in azienda non credano possano curare più di tanto l’igiene personale…).
    Sono tantissime ai nostri occhi le contrapposizioni di questo paese, ma ho acquisito una certezza, portare la nostra tecnologia di forza fa più male che bene a questo Paese che potrebbe essere presto seppellito dalla plastica e dai rifiuti se non riusciamo a trasmettergli anche l’abitudine a curare l’ambiente stupendo che li circonda!

    1. Diecimila Miglia ha detto:

      Ho pensato a questa cosa continuamente mentre mi muovevo per le strade delle citta’…il rischio di uno sviluppo–a dir poco non sostenibile–e’ enorme se il governo non riesce a smuovere la gente da queste abitudini. Il fatto che gran parte dei bambini, che dovrebbero essere il futuro, non frequenti nessuno scuola mi ha fatto parecchia paura…

      1. edoardovigoni ha detto:

        Assolutamente vero, la scuola è solo ancora per pochi benestanti, come lo era per noi 150 anni fa…

      2. Diecimila Miglia ha detto:

        Quella mancanza non potra’ portare nessuna cosa buona a una popolazione di oltre un miliardo di persone…penso alla Cina, che sicuramente conosco meglio, ed uno dei suoi punti forze e’ sempre stata l’istruzione gratuita e obbligatoria per ogni singolo bambino che vive anche nelle campagne più sperdute…

  3. Nero di Seppia ha detto:

    Interessante quanto le impressioni di entrambi i nostri post abbiano in comune… 🙂 Bellissime le tue foto!

    1. Diecimila Miglia ha detto:

      Grazie, sono bellissime anche le tue a dire il vero!

Un tuo COMMENTO vale più di tutti i "Mi Piace"...

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...